Santa Muerte oggi

Non importa il desiderio degli studiosi di stabilire una linea di continuità tra le divinità preispaniche della morte, la Catrina de Posada e la Santa Muerte . La “dama bianca” è un concetto moderno.
Si chiama "Santa Muerte" e questo nome significa Buona Morte o Santa Morte. Il termine è stato preso in prestito dalle preghiere cattoliche che chiedono la morte pacifica di questa parola, in pace con Dio, contenti della vita. La nazione medica ha la sua parola per dirlo. La parola greca è eutanasia, che significa anche “buona morte”, il diritto a morire senza sofferenze inutili.

Santa Muerte in questi giorni

Dall’inizio del 21° secolo, un culto bizzarro si è trasformato da un solitario altare di strada in un quartiere povero di Città del Messico in un fenomeno continentale che ora viene studiato dagli studiosi. Questo è il culto della Santa Muerte .

Babbo Natale morto


Forse la sua caratteristica più originale è che mentre nel cattolicesimo la buona/santa morte è un processo e nella medicina è una procedura, il culto della Santa Muerte ne ha fatto una persona.

I suoi accoliti dicono che in fondo è la stessa cosa: il desiderio di avere una morte senza dolore fisico, la speranza di vivere una morte serena.

Ma poiché in questo nuovo movimento la Morte è una persona, bisogna aggiungere un terzo elemento: il desiderio, l'obbligo tra i suoi seguaci, di compiacerlo e di adorarlo (in spagnolo la parola morte è un sostantivo femminile).

I suoi follower le danno nomi affettuosi: bella donna magra, ragazza carina, piccola madre e persino vergine.

Origini della Santa Muerte

Alcuni studiosi sostengono che Santa Muerte sia una discendente diretta delle divinità della morte azteche, ma non è un simbolo di fertilità e abbondanza. Né è una discendente diretta della messicana Catrina, come altri suppongono.

Il primo riferimento al culto moderno della Santa Muerte appare in un romanzo dell'antropologo americano Oscar Lewis, Los hijos de Sánchez. Lewis pubblicò la sua storia di una famiglia messicana nel 1961.

Marta, una dei personaggi, dichiara: "Mia sorella Antonia (...) mi ha detto che quando i mariti si smarriscono, possiamo pregare la Santa Muerte. È una novena che va recitata alle dodici".

In origine era proprio a Santa Muerte che ci si doveva rivolgere per riabilitare i mariti infedeli.

Lewis pubblicò il suo lavoro all'inizio degli anni '60, il che significa che il culto esisteva almeno dalla metà degli anni '50 nel quartiere Tepito di Città del Messico. Nel romanzo di Lewis, la novena alla Santa Muerte è trattata come un segreto, tramandato oralmente tra le donne.

braccialetto con teschio

L'esplosione del culto della Santa Muerte

Il culto rimase clandestino per tutta la seconda metà del XX secolo fino a esplodere all'inizio del XXI.


Nel 2001, ad Halloween, una donna di nome Enriqueta Romero, che fino ad allora si era guadagnata da vivere vendendo quesadillas, eresse un altare a Santa Muerte davanti alla sua casa in via Alfareros, a Tepito, lo stesso quartiere in cui Sánchez ambientò il suo romanzo.

La signora Romero ha aperto un piccolo negozio di souvenir: libri, medaglie, foto e candele della Santa Morte. È stato un successo clamoroso.

Il culto non è passato inosservato a Hollywood. Nel 2004, è stato brevemente menzionato in Man on Fire, un film con Denzel Washington. Ma è stato nel 2010 che il pubblico americano ha avuto la prima esposizione di massa all'icona grazie a due popolari serie televisive: Breaking Bad e Criminal

Se Santa Muerte è una persona, allora chi è lei, secondo i suoi adoratori e seguaci?

La Santa Muerte nasce come un personaggio con la capacità di concedere qualsiasi miracolo, indipendentemente dal suo valore morale: potrebbe trovare un amante perduto, trovare un lavoro o proteggersi uccidendo un nemico.

Ma l’aspettativa centrale è ottenere protezione e riparo, in un mondo di abbandono e insicurezza, e sperimentare una morte buona e indolore.

La sua identità è oggetto di dibattito. Alcuni seguaci credono che sia un arcangelo. Altri la vedono come un semidio, che controlla la vita di tutti gli esseri nell'universo. Altri ancora credono che Santa Muerte sia un'anima del purgatorio. Infine, c'è chi lo vede come...

Esequiel Sánchez, noto pastore cattolico, espresse preoccupazione nel 2008, quando alcuni parrocchiani gli chiesero di benedire le loro statue di Santa Muerte.

"Mi preoccupa perché è un'aberrazione. È un malinteso sulla fede. Allo stesso tempo, capisco perché sta crescendo. Molte persone, soprattutto gli immigrati messicani, sentono che le istituzioni si arrendono".

L'opposizione su larga scala è arrivata dal governo messicano. L'antagonismo aumentò quando i suoi servizi segreti iniziarono a notare la relazione tra il traffico di droga e la comparsa di altari sulle autostrade; tra omicidi rituali, violenza e crescita del culto. I ricercatori hanno anche scoperto che il culto prosperava in parti della città dove le famiglie avevano membri in prigione.

Inutile dire che non tutti i seguaci della Santa Muerte sono coinvolti nella criminalità organizzata: ci sono molti credenti sinceri, come nel caso della Santería e dei movimenti New Age.

Ma le sue origini meritano una spiegazione. La Santa Muerte può essere una risposta emotiva in un paese terrorizzato dalla morte e dalla violenza, da qui il bisogno della gente di darsi un'identità e compiacere la Triste Mietitrice, una sorta di sindrome di Stoccolma. Posada personificava anche la morte, per uno scopo diverso.

Tuttavia, la morte è sempre stata intesa come una metafora. José Guadalupe Posada scolpì la sua famosa Catrina per schernire chi prendeva troppo sul serio l'alta borghesia, ma sapeva che lo scheletro era sempre una metafora, proprio come lo era per gli Aztechi per i quali rappresentava le forze cosmiche.

Forse sarebbe più scomodo, per chi è violento, se la gente cominciasse a chiedersi cosa significa il simbolo e perché è diventato una persona, invece di prenderlo alla lettera.


Articolo più vecchio Articolo più recente


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati