VENTE FLASH !! -10% SUR TOUT LE SITE code : JUIN2024
Fin dimanche a 23h59
Santa Muerte, Catrina e dia de los muertos | Santa Muerte

Santa Muerte, Catrina e dia de los muertos

Il Giorno dei Morti combina le tradizioni cattoliche europee del giorno di Ognissanti con i rituali aztechi.

dia de muertos


La tradizione ha origine nel Messico meridionale più di tremila anni fa con le prime celebrazioni delle anime defunte. Quando gli spagnoli arrivarono molti anni dopo, cercarono di interrompere la celebrazione perché non erano in linea con le proprie convinzioni. Ma nulla di ciò che hanno provato è riuscito a fermare l'amore e l'entusiasmo che i nativi avevano per questo giorno, e nel corso del tempo la data è fiorita e si è evoluta.

Babbo Natale morto

Mentre le persone si spostano in diverse parti del mondo, il Giorno dei Morti è stato riconosciuto oltre i confini del Messico. Ha ricevuto particolare attenzione negli Stati Uniti grazie all'ampia copertura mediatica che ha ricevuto e ad una crescente popolazione di origine messicana.

Nonostante ciò che suggerisce il nome, il Giorno dei Morti non è un giorno di lutto, ma di gioia. Fondamentalmente, la giornata riconosce la morte come parte dell’esperienza umana. Cerca di onorare la vita dei defunti in modo che possano dedicare un giorno e risvegliarsi dal loro sonno eterno per condividere cibo, bevande e festeggiamenti con le loro famiglie.

Alcune tradizioni sono: porre offerte, decorare con teschi e preparare il pan de muerto.


Gli altari vengono tradizionalmente creati all'interno delle case, nelle tombe dei cimiteri e, più recentemente, negli spazi pubblici e nei musei in Messico e negli Stati Uniti. Questi altari pubblici dimostrano l'arte di realizzare altari per il Giorno dei Morti e celebrare i propri cari nel processo.

altare


Quando preparano l'altare per il defunto, alcune persone fanno un'offerta che include cibi e altri oggetti personali preferiti del defunto, nonché i loro ritratti fotografici. Avere questi oggetti consente ai propri cari di sentirsi ringiovaniti dopo il loro lungo viaggio. Si sa che il Santo ama le sigarette!

Le offerte includono anche:

Copale, o incenso tradizionale (risalente alle cerimonie religiose preispaniche del Messico).
Fiore di cempazúchitl o calendula (a volte vengono utilizzati altri tipi di fiori).
Oggetti religiosi, come un crocifisso o un'immagine della Vergine di Guadalupe .
I quattro elementi della natura: terra, vento, acqua e fuoco, in varie forme, ma spesso includono un vaso o vaso di terracotta (terra) e candele (fuoco).
Le offerte ti dicono molto sui membri della famiglia deceduti e su ciò di cui hanno goduto sulla Terra.
Si sa che il Santo ama le sigarette!

giorno delle offerte dei morti


Teschi


I teschi possono essere visti ovunque durante il Giorno dei Morti, dalle caramelle alle creazioni di cartapesta per decorare case e altari. Alcuni teschi hanno i nomi dei propri cari defunti scritti sulla fronte per ricordarli.

Il significato del teschio e dello scheletro in questo giorno è onorare la natura continua della vita, ridere con gioia della morte e accettarla come parte della nostra esistenza quotidiana.


Teschi di zucchero


I teschi, un'altra tradizione azteca, sono fatti di teschi di zucchero pressato e acqua con il nome del defunto scritto sulla fronte. I teschi sono teschi colorati di arte popolare, decorati con carta colorata, glasse, perline, nastri e piume. Sono un promemoria dei cicli della vita.

teschi di zucchero



pane di morte


Il pane dei morti è una parte importante dell'offerta ed è molto apprezzato e apprezzato durante questa festa. La forma rotonda del pane rappresenta il corpo umano, mentre le forme lunghe che vengono poste sul pane rappresentano il corpo umano e il nodo rotondo al centro rappresenta il teschio.

Esistono diverse varietà di pan de muerto. Alcuni sono a base di anice, altri con estratto e scorza di arancia; altri sono ricoperti di semi di sesamo e altri di zucchero. La leggenda narra che il pane risale all'epoca preispanica e potrebbe aver sostituito i sacrifici umani originariamente richiesti dagli Aztechi per onorare la festa.

pane dei morti


Oggi il giorno dei morti


Da quando la migrazione ha separato molte famiglie dalle tombe dei loro antenati e dai cimiteri dove si svolgevano processioni e venivano eretti altari, le celebrazioni della Commemorazione dei defunti sono cambiate molto nel corso degli anni. C'è stata anche polemica in alcune comunità sulla crescente commercializzazione della vacanza

dia de los muertos

Una delle figure principali del “Dias de los Muertos” è Santa Muerte . Inoltre viene celebrato tutto l'anno ed è oggetto di vero culto. La rappresentazione della morte in Messico era presente ben prima dell'invasione spagnola: gli Aztechi adoravano Mictlantecuhtli, e sua moglie Mictlancihuatl, divinità della morte che regnavano su Mictlan, una sorta di regno delle ombre.

Il teschio umano veniva utilizzato molto frequentemente durante le cerimonie e i culti aztechi. Durante l'invasione spagnola, la cultura cattolica, con i suoi numerosi memento mori, succedette alle rappresentazioni azteche, assimilandole. Questa mescolanza di due culture conferisce oggi alla figura dello scheletro e del teschio il suo status di simbolo nazionale e identitario.

Santa Muerte

Il culto della Santa Muerte è apparso nel XX secolo nelle carceri messicane.
Sarebbe legato, tra l'altro, al culto di Catrina e Mictecacihuatl e ha origine nelle carceri messicane, tra i criminali che non hanno più alcuna speranza e vengono rifiutati dalla Chiesa. Tra i seguaci ci sono persone che regolarmente rischiano la vita (e poi quelle che l'hanno rischiata e che sono scappate, come le donne che hanno avuto gravidanze difficili, ecc.) e che fanno parte di un partito della popolazione abbandonata, componendo una sorta di di sotto-società... una società sotterranea, come l'Inframundo, l'"oltre" degli Aztechi e degli Inca... che dedica quindi un culto alla Sacra Morte, i Santa Morti. Perché se la vita è santa, anche la morte deve essere santa.

Babbo Natale morto


Il culto apertamente popolare della Santa Muerte è relativamente recente. La Santa è stata pregata per molto tempo, ma è rimasta nell'ombra, e si sa relativamente poco delle sue esatte origini. Fu solo negli anni '60 che questo culto divenne veramente pubblico. E fu solo nel 2001 che la prima statua di Santa Muerte fu eretta a Città del Messico, nel quartiere Tepico. Questa mania improvvisa si può spiegare con il fatto che Santa Muerte è la patrona dei disperati, degli emarginati: è invocata contro gli incidenti, le morti violente e gli attentati. È una santa che accoglie tutti i fedeli, senza giudizio. È quindi considerata la santa più onesta e pura.

La Santa Muerte è il risultato di una divinizzazione legata al pericolo e alla violenza, e per questo motivo la statua è stata costruita a Tepico, uno dei quartieri più pericolosi di Città del Messico. Santa Muerte è in particolare la santa patrona delle bande. Nonostante la grande vivacità del suo culto e la facilità con cui attraversa ogni tipo di confine, Santa Muerte è condannata dalla Chiesa cattolica per diversi motivi. In effetti, la Chiesa difficilmente apprezza venerare uno scheletro che non sia un martire, né un santo riconosciuto: è la morte che veneriamo, e non una figura umana. Questo tipo di culto è troppo intriso di culture e credenze pagane perché la Chiesa cattolica lo accetti. Inoltre, il culto della Santa Muerte non necessita di intermediari: non ci sono preti né chiese, e gli altari si trovano in strada. si festeggia oggi in strada, e attira numerosissimi seguaci ogni primo giorno del mese. Enriqueta Romero, detta anche Doña Queta, fu una delle prime, nel 2001, a allestire un altare recante l'immagine della Santa, che divenne presto luogo di pellegrinaggio, poi un vero e proprio “pantheon”. Ha avuto l'idea di organizzare questo rituale quando le è stata offerta una statua a grandezza umana di Santa Muerte. Poi l'ha vestita, le ha messo una parrucca e degli accessori per femminilizzare il più possibile lo scheletro.

Da allora, La Niña Blanca è incastonata nel muro di casa sua, sul lato della strada, ogni mese con un outfit diverso. Del resto il cambio d'abito è un'occasione celebrata con i fedeli. In genere la statua tiene in una mano una falce e nell'altra un globo; ma i suoi accessori possono essere anche una bilancia, una clessidra o un gufo.

Si tratta quindi sia di un culto privato (si può avere un altare in casa) sia di un culto pubblico, che viene apertamente ostentato. Si tratta quindi di un culto difficile da controllare, soprattutto perché al Santo non è assegnato un compito specifico e non compie “miracoli”. Fornisce servizi di ogni tipo relativi alla vita quotidiana dei residenti messicani.

Ciò la avvicina ancora di più agli dei pagani condannati dalla Chiesa.
Tuttavia, alcuni aspetti del culto della Santa Muerte sono vicini ai culti tributati ai santi cattolici: gli abiti di cui la Santa è adorna, le processioni, le donazioni in denaro e in natura, i simboli associati alla Santa sono elementi che la Santo trovato nella Chiesa cattolica. Santa Muerte è però circondata da un'aura di zolfo: le donazioni in natura degli abitanti non sono ex voto offerti ad altri santi. Nel caso di Santa Muerte, possiamo vedere sugli altari sigarette, droghe, dolci e cioccolata, alcol, gioielli... Le pozioni e le ricette legate al suo culto sono troppo vicine ai riti stregoneschi per essere accettate dalla Chiesa cattolica, che condanna anche il “Dias de los Muertos” come manifestazioni eretiche e pagane. C'è da chiedersi se il fatto che il culto sia popolare, soprattutto tra gli emarginati della società messicana, non sia uno dei motivi della condanna del culto da parte della Chiesa cattolica (sebbene la Santa Muerte sia venerata da molti cattolici). Dato che il tasso di povertà in Messico è molto alto, il culto della Santa Muerte è evidente: stanchi di credere in santi abbastanza lontani dalle loro preoccupazioni ordinarie, gli emarginati e dimenticati della società messicana decidono di far rivivere un culto religioso più popolare, più accessibile. , con un santo più vicino a loro.

catrina

La Catrina (o Cavalera Catrina, o Cavalera Garbancera). La figura di Catrina continua a influenzare il trucco di Halloween, gli appassionati di tatuaggi (di cui parleremo più avanti) e gli artisti pop-surrealisti.
La “catrina” deriva dallo spagnolo “catrin”, che designa una persona elegante e vestita con gusto (questo termine designa anche, in Messico, una sorta di dandy). Questa figura scheletrica, vestita con un grande cappello con piume di struzzo, secondo la moda europea del '900/'10, è ricorrente nella tradizione iconografica messicana e oggi occidentale.

L’Occidente, però, dimentica, attraverso le reinterpretazioni della Catrina di cui si serve, che essa è innanzitutto una caricatura, e quindi, un simbolo di ribellione (a meno che questa funzione non appaia inconsciamente, e che lei non partecipi al successo della Catrina fuori dal Messico).

catrina
JOSE GUADALUPE POSADA, La Calavera Catrina, ca. 1910, litografia


La prima rappresentazione di La Catrina fu dell'incisore e illustratore messicano José Guadalupe Posada nel 1910. Fu influenzato da Manuel Marilla, anche lui illustratore, lui stesso ispirato dalle danze macabre europee. È per questo motivo in particolare che la Catrina ha una figura scheletrica e quindi una funzione di memento mori, poiché
ci ricorda che anche il più ricco un giorno dovrà morire, proprio come le danze di morte medievali europee. La Catrina è infatti una “garbancera”. Il termine si riferisce alle donne indigene che vendono o mangiano prodotti a base di ceci (“garbanza” e “garbanzos”), ignorando la loro classe sociale e le loro origini, e copiando usi e costumi europei per ottenere uno status sociale più elevato. Essendo la rivoluzione legata alla riscoperta dell'eredità preispanica, in particolare azteca, dei messicani, adottarono scheletri e teschi come simboli nazionali, e quindi anche la Catrina come simbolo dell'indipendenza culturale dei messicani di fronte a " l'imperialismo europeo. La Catrina è quindi sia un simbolo intriso di origini religiose (le danze della morte), ma anche un simbolo di controcultura e cultura.
popolare, come Santa Muerte.


Articolo più vecchio Articolo più recente


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati