La Santa Muerte

ORIGINI

Santa Muerte, conosciuta anche come Santisima Muerte, è l'amata dea della morte le cui origini risalgono al periodo preispanico del Messico. I messicani la conoscevano con un altro nome: MICTECACIHUATL "Signora della terra dei morti"; un'altra ortografia potrebbe essere MICTLANTECIHUATL, si credeva proteggesse le anime che risiedono nel buio mondo sotterraneo. Mistress of MICTLANTECAHTLI Il signore della terra di Mictlan of the Dark Lord è morto.



La Santa Muerte è raffigurata come una donna in abbigliamento femminile messicano tradizionale, adornata o decorata con bandiere che venivano posizionate sui corpi preparati per la cremazione. Indossa una maschera cranica con un becco che sporge dalla cavità nasale della maschera cranica, o forse è un coltello o una lama di esso. Mictecacihuatl è la dea legata al sacro giorno dei morti in Messico: il Dia de los Muertos, originariamente il festival è caduto alla fine di luglio e all'inizio di agosto, dedicato ai bambini e ai morti.


La festa fu spostata dai sacerdoti spagnoli in coincidenza con Halloween, un vano tentativo della chiesa di convertire questo giorno sacro in una festa cristiana. Il Giorno dei Morti conserva tuttavia le sue antiche radici onorando la Signora della Terra dei Morti. Si dice che gli antichi dei non siano morti ma che dormano e possano svegliarsi con la fede e la preghiera. Mictecacihuatl e il suo signore Mictlantecahtli ricevettero entrambi offerte di sangue dal messicano che chiese loro in cambio di una morte favorevole o pacifica quando era giunto il momento di morire. La tradizione vuole che per ricevere un destino favorevole facendo un'offerta, si debba avere la mano destra coperta di sangue per garantire il favore di Lord Mictlantecahtli. Poiché le offerte di sangue erano considerate della massima importanza, il colore rosso divenne intimamente associato al Signore della Terra dei Morti e, per estensione, il colore viene attribuito alla sua padrona a causa della sua connessione con il suo Signore. È importante notare che Mictlantecahtli e la sua padrona Mictecacihuatl vivevano entrambi nell'oscurità totale.

Sebbene non vi sia alcun motivo specifico per cui la dea della morte abbia guadagnato così tanta popolarità, una teoria è che sia sopravvissuta ai tempi post-conquista grazie al suo ruolo protettivo e al suo ruolo molto importante in celebrazione del dia de los muertos.



Una celebrazione cara al cuore e all'anima di ogni messicano che ama i suoi antenati e che adora i suoi antichi antenati e le divinità che un tempo veneravano.

Si dice che gli antichi dei non morissero semplicemente dimenticati ma che stessero aspettando di essere risvegliati dal fuoco dei fedeli, credo che ciò sia vero per Mictecacihuatl. La Signora dei Morti non ha subito lo stesso destino della Vergine di Guadalupe, che in origine era una dea messicana nota come Tonantzin (Dea della luna e aspetto più morbido di Coatlicue) rabbia dei missionari che cercarono di cristianizzare Tonantzin dichiarando che era la Vergine Maria a loro immagine idigena che venne a condurre i pagani a Cristo. Il Mictecacihutal ha mantenuto il suo vero aspetto, sebbene la sua immagine sia cambiata dal sincretismo come nella sua forma attuale, il Santa Muerte.

Santa Muerte e le sue diverse forme

Si ritiene che la venerazione di Santa Muerte nella sua forma attuale si sia davvero imposta a Hidalgo in Messico intorno al 1965, nella sua forma moderna, Santa Muerte è un'immagine sincretica che conserva i suoi poteri e attributi come Mictecacihuatl la signora dei morti; un protettore di anime e bambini. Oggi porta l'immagine di un torvo mietitore quasi sinistro, preso in prestito dalle tradizioni necromantiche europee che hanno influenzato il Messico. Inoltre, porta immagini o icone che la designano o la identificano come Mictecacihuatl, come il gufo che è spesso raffigurato nelle statue di Santa Muerte. Il gufo è uno degli animali associati a Mictlantecahtli, il Signore dei morti, di cui Mictecacihuatl era l'amante, un'immagine molto forte fino ad oggi nella cultura messicana. Alcune statue rappresentano Santa Muerte come un mietitore con la falce che regge un equilibrio e una sfera di cristallo, altre porta solo l'equilibrio e una sfera di cristallo. Un'altra osservazione interessante, a volte è rappresentata nell'arte come in possesso di un globo terrestre che rappresenta il suo potere in altre rappresentazioni: tiene un teschio, quindi ovviamente c'è la clessidra.

Un altro nome che la gente usa per lei è "La Catrina", che è la sua immagine classica nell'arte Dia de los Muertos di José Guadalupe Posada, che la rappresenta come una donna scheletro dell'alta società.


Questo è il motivo per cui alcune delle sue storie di morte includono temi sincretici come un legame tra il Diavolo e la Morte; entrambe sono forme sincretiche di antiche divinità messicane: il diavolo è il nero Tezcatlipoca e la morte è Mictecacihuatl la signora dei morti.

La magia della dea della morte

Come nell'antichità, il Messico fece sacrifici al Signore e alla Signora dei Morti per ricevere una morte pacifica, questa tradizione è stata trasmessa di generazione in generazione e si è trasformata in una miriade di richieste. La richiesta di base rimane sempre quella di una morte pacifica, ma Santa Muerte può essere richiesta per quasi tutti i bisogni umani. Ci sono rituali per la prosperità, il successo negli affari, la giustizia (processo), la protezione dal male, la protezione dai nemici, la purificazione / guarigione spirituale, l'attrazione di un amante, il ritorno di un amore perduto, il dominio, persino maledizioni contro i nemici, l'inversione delle maledizioni per citarne alcuni. Ci sono bagni alle erbe fatti a suo nome per la pulizia spirituale, la guarigione spirituale, la buona fortuna, i bagni per aprire le sue strade al successo. Gli amuleti sono fatti nel suo nome per varie esigenze e anche gli oli sono fatti nel suo nome. Santa Muerte ha un sistema completo di magia, il che è raro perché molte tradizioni attribuiscono richieste speciali a diversi santi che Santa Muerte può concedere a tutti. Ci sono pochissimi santi popolari che hanno questo potere; la sacra signora è una di quelle rare divinità.


Sembra che siano stati fatti degli sforzi per identificare Santa Muerte come principalmente venerata da trafficanti di droga, contrabbandieri, prostitute e gangster. Questa immagine è ampiamente promossa da funzionari cattolici in Messico che vogliono darle una cattiva immagine, anche se è vero che queste persone la venerano; queste persone non formano la maggioranza. Ricorda che i fedeli vengono in tutte le forme e dimensioni e provengono da tutti i ceti sociali.


Articolo più vecchio Articolo più recente

Language
French
Open drop down