La celebrazione del Giorno dei Morti in Messico è uguale al culto di Santa Muerte?

La tradizionale celebrazione del Giorno dei Morti 2 novembre in Messico, è piena di simboli e le decorazioni, come le statue di teschi vestite, pani e caramelle, e la "altare dei morti" popolare cranio-come la paura in alcuni che è un culto del "Santa Muerte". C'è un legame tra i due??

 

dia los muerto



Il sacerdote messicano Luis Fernando Valdés, dottore in teologia e cappellano dell'Universidad Panamericana, ha spiegato che le tradizioni messicane per il Giorno dei Morti sono molto lontane dal culto idolatrico delSanta Muerte, una falsa devozione che si è sviluppata intorno ai criminali.

Parlando ad ACI Prensa nel 2018, padre Valdés ha spiegato che le celebrazioni hanno le loro radici nell'inculturazione nata dall'evangelizzazione spagnola delle terre messicane nel XVI secolo. “C'è stato un bellissimo fenomeno pastorale, di una vera inculturazione del Vangelo. In altre parole, il Vangelo è venuto a vita nella cultura popolare di tutti i giorni della gente, portando nei suoi elementi e purificare molti elementi negativi da esso. Cultura locale" .

 

santa muerte


Il sacerdote ha indicato che le culture precolombiane del Messico e dell'America centrale avevano già oggetti come teschi, cibo per i fiori d'arancio defunto e chiamati cempasúchil per commemorare "il fenomeno molto complicato della morte, che è un mistero agli occhi umani".

Tuttavia, dopo l'evangelizzazione, "la morte non è più un tema di dolore gigantesco per una perdita o di una partenza a un luogo di cui non sappiamo di cosa si tratta, ma la morte è stato redento da Cristo e la morte indica la resurrezione".

"Questo è il motivo per cui i teschi, sia caramelle o cioccolato, che sono decorate, hanno un senso quasi di festa, perché già in qualche modo annunciano la resurrezione. La morte, come gli insegnamenti insegnano. Rivelazione cristiana, non ha l'ultima parola" .

 

L'"altare" dei morti

Questo "dialogo" tra cultura precolombiana e fede cattolica, ha sottolineato padre Valdés, è particolarmente visibile nell'altare dei morti.

"L'altare dei morti ha un contesto molto bello, che è che in ogni casa cattolica c'è una parte della casa che è una specie di cappella di famiglia, che riprende elementi delle chiese. È una specie di pala d'altare. dove sono immagini della Vergine, del Sacro Cuore, di San Martino, di San Giuda, e c'è una tavola, con ceri, che imita in certo modo l'altare di una chiesa.

Culture precolombiane, come gli Aztechi, ha detto, credevano che i morti "non vi erano, muoversi, e che il giorno dei morti, il loro anniversario dei morti, potevano andare alla casa dove avevano vissuto, a mangiare il cibo che amavano”.

"È stata posta una fila di fiori che indicava la strada dalla porta al tavolo dove veniva messo il cibo, in modo che il defunto potesse venire a mangiare", ha spiegato.

"E 'diventato cristianizzata ei fiori sono stati posti come parte dell'altare, la cappella di famiglia, e il pane per i morti, il cibo, ecc sono stati messi lì, ma con un nuovo significato, un significato di festa., La famiglia, e non con il significato che il defunto è appena apparso”.

"Mettono anche foto di parenti deceduti, che è una bellissima tradizione messicana, onorare i parenti defunti, ricordandoli sempre".

Il rischio del sincretismo e il culto di Santa Muerte

Tuttavia, padre Valdés ha messo in guardia dal "rischio" del sincretismo e di un culto dei morti incompreso.

"Qualsiasi inculturazione del Vangelo comporta sempre un rischio di sincretismo, di fusione arbitraria di ideologie e credenze, di mescolanza".

"In Messico abbiamo un problema molto grosso con la falsa religiosità del culto di Santa Muerte, un culto che non è cattolico ma che incorpora elementi cattolici", ha dichiarato.

Il sacerdote ha spiegato che "questa superstizione è strettamente legata ai criminali, che ne hanno fatto un elemento per proteggersi nei loro misfatti e fucilazioni. Remeda è una falsa imitazione dei simboli cattolici".

I cattolici, ha detto, "pregare per una santa morte, che è, a morire in grazia di Dio. Ma essi prendono santa morte, come se si trattasse di un personaggio, di un essere vivente, una persona, che è il motivo per cui si tratta di un teschio con vestiti, come se fosse una divinità”.

"E 'un idolatra, domanda superstiziosa, perché si prende la morte come se fosse un personaggio, che decide quando si vive, quando si muore, e dovrebbe essere chiesto di non portarmi via di nuovo. Questo è totalmente contrario alla fede, che ci insegna che l'unico che tiene la nostra vita nelle sue mani è Dio, che è un Buon Padre”.

Per padre Valdés, per superare questi sincretismi e questi falsi culti, è importante una “migliore catechesi”.

“C'è sempre stato un rischio di sincretismo. E così, in luoghi in cui v'è una migliore catechesi, una migliore evangelizzazione, questi significati dell'altare dei morti sono molto ben inteso, non come una questione di superstizione, ma come qualcosa che è stato letto alla luce del Vangelo”, ha detto.


Articolo più vecchio